Mitulugia

21 x 27 cm - 112 pages

Arcubalenu. Literatura da giovanni
9782846981569
19,00 €
TTC

La mythologie grecque dans une adaptation en langue corse malicieuse.

Description

La mythologie grecque dans une adaptation en langue corse malicieuse. Découvrez la version audio !


Nota di l'autore

Da a Mitulugia à e Realità.

Si puderianu accunccià antichità è mudernisimu ?
Vai à sapè… A lascita di l’Antichità, per ciò chì tocca à a Mitulugia, pare dà ci un insignamentu pettu à e realità oghjinche. Da seculi è seculi, l’epupee è e legende, l’eroi è e vicende, ci anu incantatu è anu marcatu e nostre memorie. À tal’puntu chì un evenimentu d’attualità, tragedia, catastrofa o drama, ci ramenta Omeru, Ovide, Teocrite o Pulloniu di Rodda.
A Mitulugia pare ch’ella fussi stata premessa à i nostri sogni, per dì megliu à i nostri bisogni, d’investisce ci in un mondu di maganze, un universu fattu di persunaggi strani, ma simpatichi, putenti, ma rumantichi, curaggiosi, ma umani.

Moltu più chì in lu Mediterraniu, l’anticu Pontos di a Mitulugia greca, mare duve si mischianu legende mitiche è realità stalvate, bagna a Corsica. Legenda Bunifaziu, duve Ulisse, dopu à a guerra di Troia (XIIu s. n. G. C.), hà da fà cù i Lestrigoni ; realità Aleria (Alallia), sei seculi più tardi chì vede sbarcà i grechi, marcanti è navigatori.
Lezzione è paragone, in somma.
A li pruvemu oghje di cuntà la ?

Estate di u 2002, Campu Vallinu di Pigna.
G. B.


Strattu

U fattu hè stalv… Scusate. Si trova dettu in la mitulugia greca chì, bellu capu nanzu à a venuta di l’omu nant’à a terra, i dii si sò dati, à fil’di generazione successive, à una guerra di cunquista di u putere. Nunda d’originale, mi dicerete, in paragone d’oghje. Ma ci vulia un principiu…

In principiu dunque, s’hè stalvatu ch’ellu ci era Croniu, diventatu u primu diu supranu di u Mondu, chì hà fattu a cunquista di u putere in castrendu u so propriu babbu, Uraniu.
Uraniu, u Celu, cupria in permanenza à Gaia, a Terra, d’una attività sessuale cuntinua, è a so discendenza, a corcia, ùn pudia vede u ghjornu, stendu si chjosa duve ella era cuncepita, inciaccata, è cusì impedita di piglià forma naturale. Quale era issa discendenza ?
— I sei Tittani è e sei Tittane. U primunatu era Oceaniu, l’Oceanu, issu universu liquidu chì accinghje u Mondu. U beniaminu seria statu Croniu, u famosu castraghjolu.
— I trè Cicloppi, Brontesu, Steoropesu è Argesu, quelli chì stazzunavanu u fulmine.
— I trè Eccatonsciri (o Centubracce), Crottosu, Briarè è Giese, mostri putentissimi chì pussedianu cinquanta capi è centu bracce, è ripresentavanu tutte e forze naturale di u Mondu.

Fù dunque in Croniu chì Gaia, per sbarazzà si di a strinta feroce è stuffente di Uraniu, hà truvatu a cumplicità chì castrerà u babbu è piglierà u putere. Uraniu, diventatu cogliseccu si spiccherà di Gaia è si stabiliscerà definitivamente in l’altu di u Celu, lascendu trà ellu è a Terra un spaziu infine liberatu duve ella si puderà ripruduce ancu ella, a so discendenza.

Ma l’organu sessuale d’Uraniu chì oramai ùn pò più sunà, Croniu hà avutu l’arbitriu di ghjittà lu luntanu, in mare. U membre, ùn fendu più musica, si sterà à gallu è u so caghju si mischierà à a sciuma marina fendu nasce una superba criatura, Afroditta, dea chì si stabiliscerà à l’isula di Scippra. Eccu ne una, bella camonchja, chì si ne riparlerà più inlà.

D’altronde, da issu membre, si sparghjeranu qualchì goccia di sangue inquà è inlà. Da ella nasceranu l’Erinie, putenze primurdiale essenzialmente affaccendate à ramintà si di l’offese fatte da parente à parente, è di fà le pagà, qualessu sia u tempu nicessariu per ghjunghje ci. Sò isse Erinie e divinità di a vindetta, per i crimini cumessi contr’à i cunsanguigni. Elle ripresentanu l’odiu, u ramentu, a memoria di l’offesa è l’ubligazione di fà la pagà.

È quì, d’un trattu, vene in core a quistione : Duve seranu cascate isse goccie di sangue esciute da u strumentu d’Uraniu ? In lu circondu di u Puntose, u Mediterraniu, qualesse seranu e cuntrate chì sò state asperginate ? Duve anu vistu u primu sole isse Erinie pussedendu issa rabia vindicatrice ?

In Albania, senza dubitu, duve a vindetta hè stata instituziunalizata. In Siciglia, duve i criminali crescenu senza sumente sott’à e petre di e so arite campagne. In Corsica, di sicuru, duve nisuna offesa ùn pò pate d’esse assolta.

S’è u sessu d’Uraniu ùn ne hà spartu chè trè goccie, di sicuru elle sò cascate in issi trè paesi. È seria troppu sperà, oghje, cù a nostra capacità di ragiunamentu, di cunniscenze, di civilizazione, di bone intenzione, ch’elle s’addurmentinu, isse Erinie di m… alannu ?
Altra quistione, altra risposta…


Sunta

L’origine di l’universu
A guerra trà dii è regnu di Zeuse
A Guerra di Troia
Ulisse è l’Odissea
Dionisu è Tebba
Eudippe è e disgrazie
Perseu è e Gorgone
Teseu, eroe attenianu
Orfeu è Euridice

Détails du produit

Parution
Albiana 2005
Format
21 x 27 cm
Nombre de pages
112
Nouveau produit

Commentaires

Aucun commentaire